Seguici su
Cerca

Descrizione

Solo dopo oltre un secolo dal suo atto eroico Pietro Micca fu rivalutato e anche il suo paese natale si apprestò a ricordarlo degnamente con un opera celebrativa.

Costituitosi un comitato promotore locale nel 1876, fu avviata un’ opera di sottoscrizione. E non senza qualche riserva tra i vari progetti proposti venne scelto quello presentato nel 1878 dall’ artista Giuseppe Maffei di Graglia , caldeggiato da Federico Rosazza che si rese disponibile ad accollarsi il forte disavanzo tra la spesa per la realizzazione e l’ introito della sottoscrizione stessa. Su alti gradoni in sienite fu costruito un finto bastione della Cittadella di Torino, a forma triangolare con all’ interno l’ altorilievo in marmo bianco di Carrara raffigurante il gesto dell’ eroe . A scolpire l’ altorilievo fu Luigi Vimercati artista lombardo. Sul basamento del monumento si eleva una colonna in sienite con tre cannoni , provenienti dall’ arsenale di Torino, e con tre sculture in pietra di cui una rappresenta lo stemma di Casa Savoia. Il capitello turrito , in pietra gneiss di Rosazza , ha uno  stemma sommitale che rappresenta la corona d’ Italia.

Il monumento fu realizzato dagli scalpellini dell’ Alta Valle Cervo e costò 30.722,22 lire di cui 14.332,72 lire raccolte dalla sottoscrizione e 16.389,50 lire di cui si accollò il costo il sen. Federico Rosazza.

Nella mattinata di domenica 29 agosto 1880, il re Umbero I° inaugurò il monumento.



Foto

Il monumento in onore di Pietro Micca


Galleria di immagini


Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Valuta da 1 a 5 stelle la pagina

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 200 caratteri